Lo stile green: dalle sedie in legno alla parete vegetali

Oggi il design non può tenere conto solo della bellezza, ma deve interessarsi alla funzionalità come anche al rispetto dell’ambiente. La società ha sempre nuovi bisogni, individuali e collettivi, che variano in base alle mode, ma sopratutto all’ambiente. Per riservare alle future generazioni un paese abitabile, è indispensabile pensare a migliorare i processi industriali, riducendo i consumi pur mantenendo invariata la qualità dei prodotti. Preferire uno stile green non significa che ci sia bisogno di acquistare necessariamente un’arredamento colorato di verde, ma che l’attenzione di chi si avvicina a questo gusto parte fin dalla produzione dei singoli prodotti.

La naturalezza della materia firmata Miniforms

Miniforms è uno dei tanti brand che ha sposato l’idea di casa sobria, autentica senza venir meno alle esigenze dell’ambiente. Green è avere dentro casa non solo articoli in legno, ma anche in lamiera d’acciaio, vetro in alluminio purché siano stati prodotti seguendo criteri compatibili con l’ambiente. Il tavolo Gustave di Miniforms fisso o allungabile è un esempio di design green in cui l’essenza materica del legno, 100% naturale, prende sopravvento sul tutto il resto senza limitarne bellezza e funzionalità. Le finiture naturali si sposano con il design moderno. E’ un tavolo sobrio, facilmente inseribile in qualsiasi contesto e adatto ad ospitare fino a 12 persone grazie all’ampia disponibilità di misure.Attorno al tavolo Gustave consigliamo la sedia mod. Pelleossa o la sedia mod. Avia, entrambe prodotte da Miniforms. La prima disponibile in legno di faggio, rovere o noce canaletto, in cuoio o legno colorata, mentre la seconda, più classica nelle forme, in legno di faggio o laccata. L’illuminazione non va tralasciata, anzi ha sempre più una funzione importante poiché non si limita a valorizzare ciò che illumina, ma è essa stessa un pezzo di design. Per restare nello stesso stile, la lampada mod. Slope, costituita in legno massello e con paralume in metallo che non può certo mancare.

tavolo miniform ad dal pozzo

Sedie Pelleossa e Avia, tavolo Gustave e lampada Slope di Miniforms

Il ritorno della sedia CH23 di Carl Hansen

Un’altra sedia che condivide gli stessi principi dei modelli presentati precedentemente è la sedia mod. CH23 di Carl Hansen & Søn, una delle prime quattro sedie disegnate negli anni ’50 da Hans J. Wegner. Dopo cinque anni che rientrava tra i prodotti fuori produzione, CH23 torna in commercio con una piccola modifica che riguarda l’altezza. Dato che negli ultimi settant’anni l’altezza media delle persone è aumentata, la seduta è stata alzata di 2 cm. Un’icona di stile per gli anni ’50 ancora oggi apprezzata da appassionati del design contemporaneo. Piace per la sua semplicità strutturale, per la raffinatezza, ma soprattutto per la sua praticità e funzionalità. Si può stare seduti per ore e le dimensioni la rendono poco ingombrante e adatta a cucine anche meno spaziose.

green arredo dal pozzo (2)

CH23 di Carl Hansen

Gessi un’idea per il tuo bagno

Nei bagni ogni particolare non passa inosservato e ogni accessorio deve possibilmente essere scelto a seconda dei colori delle pareti. Per un bagno che voglia richiamare un’atmosfera marina, consigliamo l’arredamento di colore blu abbinato al bianco delle pareti. Se, invece, si volesse ricreare un ambiente più naturalistico, non si potrà fare a meno di aggiungere piante, fiori e oggetti dalla tonalità verde con un carattere caldo e accogliente. Le dimensioni del bagno, però, possono influenzare le nostre preferenze: se il bagno è piccolo dovranno essere banditi i colori scuri. Saranno,quindi, necessari nei bagni con spazi ridotti i colori chiari che renderanno il bagno molto più luminoso. Per il tuo bagno potresti optare per la collezione Cono del marchio Gessi. Gessi è un brand che è stato inserito nelle progettazioni di alcuni hotel boutique di lusso prestigiosi, quali Armani e Versace. Gessi rappresenta il binomio perfetto tra design e moda senza rinunciare al rispetto dell’ambiente. Oltre ad essere un’azienda italiana che produce prodotti di qualità ed estremamente rivoluzionaria, è anche attenta a ricercare nuove soluzioni tecniche e innovative orientate sia alla sicurezza che alla sostenibilità dei processi produttivi. La sua sede operativa localizzata in un parco del nord Italia è estremamente pensata per la sostenibilità: l’energia e consumo di acqua sono infatti ottimizzati tanto quanto la produzione che ha un basso impatto ambientale. Inoltre, la fabbrica contribuisce a ridurre l’emissioni di CO2 grazie ad un innovativo impianto fotovoltaico.

 Total green con Linfadecor

E infine per aggiungere un tocco di natura all’interno della casa noi consigliamo le collezioni decorative con elementi naturali di Linfadecor caratterizzate da tre forti concetti che riportano allo stile greenqualitàflessibilità ed eco sostenibilità. La vecchia e più comune abitudine è quella di adornare le pareti spoglie con quadri, dipinti e fotografie, ma ultimamente le pareti naturalistiche stanno diventando un nuovo trend delle decorazioni per l’arredo interno. Le pareti floreali o vegetali sono reali e si mantengono per circa dieci anni grazie ad un trattamento ecologico e naturale al 100%. Sono soluzioni applicabili in qualunque location si voglia: studi, uffici, abitazioni e negozi. Non è una semplice parete, ma un pezzo di design che riesce a stupire emozionando chiunque.

green arredo dal pozzo (4)

Parete vegetale di Linfadecor

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *